Social Card Disoccupati 2017: come richiederla e tempi di erogazione

La social card disoccupati sarà attiva anche nel 2017 in modo da fornire un consistente aiuto al reddito a tutti coloro che si trovano in condizioni economiche precarie.

Grazie alla social card, confermata anche nel 2017 dalla Legge di Stabilità del 2016, le famiglie più povere potranno avere un beneficio economico tangibile per i beni di prima necessità che varierà a seconda dei componenti del nucleo familiare per un importo massimo di 404 euro al mese, beneficio previsto per le famiglie composte da 5 unità e che hanno un minorenne a carico.

Fino al 2016, purtroppo, non tutti i comuni sono abbastanza ricchi da poter offrire una simile agevolazione al reddito per famiglie numerose e disagiate, e questa social card è a oggi appannaggio di soli 12 comuni, ovvero Roma, Torino, Verona, Venezia, Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Catania, Palermo e Napoli, oggi invece dovrebbe essere elargita da tutti i comuni grazie ai fondi messi a disposizione dal Governo, finché non saranno esauriti. In Questo modo lo Stato cerca di dare sostegno ai cittadini più deboli.

Social card disoccupati 2017: chi può richiederla

La Social card 2017 viene finanziata da un particolare fondo contro la povertà appositamente costruito dal Governo Italiano e previsto dalla Legge di Stabilità 2016. I primi 12 comuni che l’hanno sperimentata hanno infatti avuto un così ampio successo che si è deciso di estenderla a tutti i restanti comuni della Penisola includendo tutte le regioni, anche quelle a statuto speciale.

Requisito fondamentale per poter richiedere la social card 2017 è l’avere a carico un figlio minorenne e la famiglia abbia un Isee (il modello che certifica il reddito), inferiore o pari a 3000 euro. Stiamo effettivamente parlando di famiglie con gravissimi problemi, perché 3000 euro annui con un figlio minorenne non sono veramente nulla, e quindi risulta essere di vitale importanza l’introduzione della speciale card per permettere almeno a ogni nucleo familiare di poter contare sui beni di prima necessità, che con 3000 euro annui non potrebbero essere acquistati.

Il minimo mensile previsto dalla carta per chi ha un nucleo familiare di soli 3 componenti è di 231 euro mensili, mentre il massimo è di 404 per 5 componenti (come spiegato prima).

Cerchi un prestito online?

 

Compara i preventivi di 15 banche, è gratis

Social card disoccupati 2017: come richiederla

Per richiedere la social card occorre compilare l’apposito modulo presso un qualsiasi sportello postale, presentando i documenti richiesti, che devono essere:

  • Stato di famiglia
  • Isee
  • Documento di riconoscimento
  • Codice fiscale

L’esistenza effettiva dei requisiti sarà verificata da ogni comune che provvederà anche a ricaricare mensilmente la carta. In base al numero di figli che si hanno cambia in questo modo la ricarica effettuata:

  • 2 membri: 160 euro.
  • 3 membri: 240 euro.
  • 4 membri: 320 euro.
  • 5 o più persone: 400 euro.

L’erogazione avverrà ogni due mesi e l’ente che sovvenzionerà il tutto sarà l’Inps, che anche se non naviga in ottime acque come ente assistenziale assisterà le famiglie disagiate potendo però contare sullo speciale fondo contro la povertà finanziato dal Governo. La carta prende il nome di SIA, ovvero l’acronimo di Sostegno Inclusione Attiva, ha la durata di un anno e deve ogni volta essere rinnovata in base a come cambia il nucleo familiare e l’Isee, che potrebbe, si spera, migliorare e non rendere più essenziale l’erogazione del beneficio pecuniario. Le famiglie che usufruiscono del supporto al reddito devono inoltre rendersi disponibili per corsi di aggiornamento professionale ed essere attivi nel campo del collocamento, a dimostrazione di come il supporto deve essere inteso come momentaneo, e non vitalizio, un po come accade con la disoccupazione, in modo che chi lo percepisce non si rassegni a vivere della Social Card ma possa effettivamente aspirare a qualcosa di meglio, per se e per la propria famiglia.

Social card disoccupati per gli extracomunitari

La prestazione al reddito può essere erogata non solo ai cittadini comunitari, bensì anche agli extracomunitari con permesso di soggiorno o ai rifugiati politici, benché risiedano regolarmente da almeno un anno nel comune in cui fanno richiesta.

Social card disoccupati: ulteriori requisiti

Ulteriori requisiti per poter avere i requisiti per richiedere la social card 2017 riguarda il patrimonio immobiliare, che deve avere una rendita Isee inferiore agli 8000 euro, e non possedere ne una autovettura né un motociclo di cilindrata pari o uguali a 250.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti