Quotazione dell’oro a luglio 2016

In questi periodi di instabilità bancaria e finanziaria, gli unici beni in cui investire in maniera sicura sono i metalli prezioni, come l’oro. Con il nostro articolo puoi capire la sua valutazione e come investire i tuoi risparmi in questo particolare bene.

Investire in oro 2016: quali i vantaggi

Dopo aver deluso gli investitori negli ultimi anni sembra che il prezzo dell’oro stia vivendo un periodo molto positivo con rialzi da record. Sono in molti infatti gli investitori che decidono di buttarsi su questa materia prima. Ma conviene investire in oro? Quali i vantaggi? Scopriamolo insieme.

Prima di passare in esame i vantaggi di un investimento in oro è fondamentale distinguere tra gli investimenti fatti acquistando oro fisico e quelli tramite strumenti finanziari. Nel primo caso è indispensabile acquistare direttamente degli oggetti in oro, mentre nel secondo caso si tratta di speculazioni che non richiedono l’acquisto effettivo dell’oro fisico.

Investire in oro fisico: limiti e vantaggi

Investire in oro fisico significa diventare proprietari a tutti gli effetti del metallo prezioso, che può presentarsi sotto varie forme ed essere stato lavorato in modalità diverse. Tuttavia è fondamentale sottolineare che la proprietà non sempre corrisponde al possesso.

In altre parole non sempre il proprietario possiede fisicamente il proprio oro, che può essere custodito in luoghi più sicuridella propria abitazione e che offrono il servizio di custodia a fronte del pagamento di una quota annuale.

Per questo è possibile mettere l’oro in una cassetta di sicurezza o in un caveau all’estero, se si tratta di oro acquistato tramite strumenti di compravendita online. In entrambi i casi l’investitore ha la proprietà del metallo prezioso.

Le soluzioni più utilizzate per l’investimento in oro fisico sono: monete, lingotti, lamine e gioielli. Fatta eccezione per i gioielli, che sono soggetti a un IVA pari al 23%, tutti gli altri sono esenti dall’IVA.

Investire in oro finanziario

Prendiamo ora in analisi i metodi alternativi all’investimento in oro fisico. Si tratta di strumenti molto più utilizzati, rispetto all’acquisto dell’oro fisico, dagli speculatori che fanno scommesse sul rialzo o il ribasso del prezzo dell’oro. Scommesse che nella maggior parte dei casi prendono in considerazione un periodo piuttosto breve.

Parlando di investimenti in oro finanziario, gli strumenti più utilizzati sono tre: EFT, opzioni e future. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e come funzionano nel dettaglio.

Cerchi un prestito online?

 

Compara i preventivi di 15 banche, è gratis

Gli ETF  (acronimo che sta per Exchange Traded Funds) sono dei fondi che vengono negoziati in Borsa come succede con le azioni, con la differenza che gli EFT sono venduti su un mercato dedicato, chiamato ETF Plus.

Investire in ETF oro significa acquistare una quota di un fondo che replica l’andamento di un indice al quale si riferisce in una gestione dei fondi che può essere attiva oppure passiva. Si dice che la gestione è attiva quando il gestore del fondo sceglie quali sono i titoli gestire in un paniere, mentre si parla di gestione passiva se questa segue e replica esattamente l’andamento di un determinato indice.

In senso stretto però non esistono degli ETF che replicano fisicamente l’oro dato che sono stati denominati differentemente, ossia ETC. Gli unici ETF che replicano l’andamento dell’oro sono azionari. Questo significa che non si tratta di replicati dall’oro in sé, bensì da un paniere di azioni che hanno a che fare con l’oro.

Spesso si utilizza il termine ETF per una questione di popolarità e anche perché il funzionamento di ETF e di ETC è identico. L’unico fattore che cambia è il tipo di indice di riferimento sottostante utilizzato.

Investire in oro azioni ETC

Gli ETC (acronimo che sta per Exchange Traded Commodities) sono degli strumenti finanziari molto simili agli ETF, da cui differiscono per una importante caratteristica: gli ETC sono emissioni che hanno come sottostante una materia prima (ad esempio oro, rame, argento, petrolio, ecc.).

Quando si parla di investimenti in oro, gli ETC possono essere di due tipi:

  • ETC dove il capitale viene investito in derivati della materia prima.
  • ETC gold physically-backed dove il capitale investito dal soggetto emittente dell’ETC investe i fondi direttamente sulla materia prima, in questo caso l’oro, fisicamente.

Fino ad oggi gli ETF- ETC che sono stati scambiati sul mercato italiano replicano fisicamente l’oro. L’unica differenza nasce perché alcuni fondi sono in dollari e altri (solo una minima parte) in euro. In ogni caso è necessario ricordare che un ETC prevede un costo di gestione annuale inferiore a quello normalmente necessario per un investimento in lingotti d’oro e agli altri sistemi di investimento in oro fisico, che è intorno allo 0,5% annuo del capitale investito.

Fonte: http://www.investimenti-sicuri.it/investire-oro-2016-quanto-le-quotazioni-attuali/

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti