Differenze e costi tra unghie in acrilico e gel

Tra gli argomenti dibattuti in maniera massiva tra gli esperti di manicure e ricostruzione unghie, fa sicuramente capolino la discussione della scelta tra unghie in acrilico o in gel. Tutti e due i metodi hanno pregi e difetti, a seconda anche delle proprie esigenze, ma alla fine uno dei due si fa preferire. Scopri assieme a noi qual è.

 

Innanzitutto permettetemi di dirvi che se avete unghie sane e forti non avete bisogno di ricostruirle né con acrilico né con il gel, a meno che non siate amanti della moda e non vogliate apparire sciatte rispetto alle amiche. Se poi siete abituate a fare lavori casalinghi, fate attenzione alla lunghezza delle unghie in acrilico o gel che scegliete, potrete ritrovarvi con unghie rotte o, banalmente, in difficoltà nel fare alcuni lavori di casa. Detto ciò, il metodo acrilico non è meno dannoso del metodo a gel, dal punto di vista chimico: quando parliamo di Gel parliamo di Oligomeri acrilici; quando parliamo di Acrilico, parliamo di Polimeri acrilici.

Cerchi un prestito online?

 

Compara i preventivi di 15 banche, è gratis

Una differenza importante sta all’inizio, ovvero nella lavorazione in laboratorio e nella lavorazione tecnica sulle unghie: il gel ha bisogno di polimerizzare sotto le lampade a raggi UVA ed è un composto già completo, mentre l’Acrilico si lavora direttamente sulle unghie. L’altra rimarchevole differenza tra acrilico e gel è la resistenza. Il primo, infatti, è molto più resistente rispetto al secondo. Di conseguenza su un’unghia soggetta a onicofagia è sconsigliato lavorare con il gel preferendo a questo la ricostruzione in acrilico, proprio per la maggiore resistenza. Infatti l’acrilico, d’altra parte, è stato creato proprio come rimedio alla brutta abitudine di mangiarsi le unghie.
Da ricordare, in ogni caso, che si lavori con buoni prodotti certificati, per non danneggiare l’unghia e per non incorrere in allergie o altro.

In conclusione è un dato di fatto che la ricostruzione in acrilico viene meno utilizzata rispetto al gel. Probabilmente per tempi e costi, superiori con il metodo a gel; probabilmente perché i professionisti nascondono l’esistenza e la qualità dell’acrilico per raggirare le clienti e guadagnare di più, inducendo il bisogno di ritocchi e di ripristino del gel. Certo è che, una volta conosciuto l’acrilico non lo si abbandona più: dura di più ed è molto più pratico e resistente del gel.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti