Mutuo casa: surroghe a -19,8% tra maggio e ottobre 2016

Da quanto emerge dagli ultimi report effettuati da Facile.it e Mutui.it aumentano le richieste di mutui per acquisto prima casa ma diminuiscono sostanzialmente le richieste di surroga del mutuo casa.

Partendo da un’attenta analisi condotta dai due portali su un campione di 20.000 richieste ed erogazioni di mutuo casa presentate in Italia sarebbe emerso che tra il mese di maggio e il mese di ottobre, le richieste di surrogazione del proprio mutuo sono sensibilmente diminuite rispetto allo scorso anno.

Mutuo surroga sceso al -19,8%

Un dato particolarmente interessante se confrontato con l’inizio dell’anno, quando le surroghe rappresentavano il 50% dei mutui erogati, valore sceso al 38% nel secondo semestre del 2016 rispetto al totale dei finanziamenti concessi.

Tenendo in considerazione il contratto di surroga medio è aumentato l’importo medio da surrogare del +1,4% mentre è sceso il valore medio concesso, 113.000 euro contro i 118.000 euro nel semestrale tra novembre 2015 e aprile 2016.

Mutuo casa giovani: aumentano i mutui erogati

Mentre le richieste di surroga mutuo casa risultano calate del 19,8% i mutui erogati subiscono invece un rialzo positivo, + 34,1% rispetto a sei mesi fa. L’importo medio richiesto dagli italiani per il mutuo casa è stato pari a 128.000 euro nello scorso semestre, mentre il valore medio dell’importo erogato è pari a 120.000 euro.

Cerchi un prestito online?

 

Compara i preventivi di 15 banche, è gratis

Il tasso di interesse prediletto da molti italiani che accendono un mutuo casa sicuramente è la certezza di un tasso fisso, optano infatti per un mutuo a tasso fisso circa il 70,4% del totale, mentre la scelta del tasso variabile è pari al 26,5% degli aspiranti mutuatari. La durata media della restituzione del mutuo casa richiesto invece è pari a 21 anni.

Aumentano gli importi richiesti per i mutui casa ma diminuisce il valore dell’immobile che si vuole acquistare, secondo le analisi condotte sul campione di 20.000 italiani  le case oggetto di mutuo valgono circa 220.650 euro, circa il 4,7% in meno rispetto alla precedente rilevazione. Rapportando il valore medio dell’immobile con la cifra richiesta ed erogata per il mutuo casa si ottiene un loan to value di poco superiore al 54%.

Mutuo casa come funziona e cos’è cambiato?

Dalle ultime analisi effettuate è possibile trarre un profilo abbastanza delineato dell’attuale situazione per la richiesta di mutuo casa in Italia, ma cosa è cambiato per l’acquisto di mutui prima casa?

Secondo questa tipologia di mutuo è stato rilevato che il valore medio dei mutui richiesti è di circa 137.000 euro, mentre la cifra erogata al mutuatario è pari a 126.500 euro, entrambi i dati indicano una crescita seppur minima rispetto agli scorsi mesi.

Aumenta del +2,2%  il valore medio degli immobili su cui impostare l’ipoteca rispetto al periodo tra novembre 2015 e aprile 2016, valore che risulta pari a 203.000 euro. La durata media dei finanziamenti richiesti ammonta a 24 anni, ma la media dei mutui che poi viene sottoscritta scende a 23 anni.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti